Logo Associazione "Comunicazione Pubblica"

Marketing sociale
e comunicazione per la salute

Logo Coordinamento Nazionale Marketing Sociale
  #web2saluteLetteratura e approfondimenti
  >> Vedi anche: Giornate di Studio - Esperienze - Concorso #web2salute 2013
 
 
L'Hashtag #HEALTHPROMOTION ed il progetto Healthcare Hashtag
L'Associazione MKTS ha da poco inserito l'Hashtag (#HEALTHPROMOTION) all'interno del progetto Healthcare Hashtag. L'obiettivo di tale progetto è quello di rendere il mondo del social media Twitter più accessibile alle community che operano nel campo della salute. Individuando e categorizzando gli hashtag dell'healthcare si può assistere e partecipare alle conversazioni più importanti in rete.
(Newsletter 119 - novembre 2013)
 
Una guida per massimizzare l'impatto sui social network
Finalmente una guida per massimizzare l'impatto su Twitter, Facebook e gli altri social media. L'articolo a cura di Belle Beth Cooper, ci dimostra scientificamente quando è il momento migliore per inviare un Tweet, fare un post o inviare una newsletter e raggiungere il più ampio numero di utenti.
(Newsletter 118 - ottobre 2013)
 
Un Validatore per verificare l'accessibilità delle Pagine Web
vamola
Il Validatore VaMoLà promosso dalla Regione Emilia-Romagna, in collaborazione con l'Università di Bologna ed altri partner, ha come obiettivo la validazione automatica dell’accessibilità di pagine Web (fornendo anche supporto alla validazione manuale), verificandone la conformità ai requisiti della Legge Italiana 4/2004 (“Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici”, anche nota come Legge Stanca) e/o alle linee guida WCAG (Web Content Accessibility Guidelines) 2.0 del W3C.
(Newsletter 117 - settembre 2013)
 
Conacuore crea una App per trovare il defibrillatore più vicino
Le morti causate da un arresto cardiaco sono molto frequenti. E' proprio per questo motivo che Conacuore ha predisposto una applicazione per smartphone e tablet che consente, grazie alla georeferenziazione fornita da tali dispositivi mobili, di individuare il defibrillatore più vicino. Gli approfondimenti in un articolo sull'ultimo numero di “InFormaCuore”. (Newsletter 116 - Luglio 2013)
 
La Brand Identity della GE Healthcare attraverso Pinterest ed il web 2.0
L'abstract della Tesi di Rossella Presenza, Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale, Università degli studi di Bologna. (Newsletter 116 - Luglio 2013)
 
Che impatto ha Internet sulla salute pubblica?
NewsLa review “Online Prevention Aimed at Lifestyle Behaviors: A Systematic Review of Reviews” è una revisione sistematica di articoli che analizzano l'efficacia degli interventi che ricorrono all'utilizzo di strumenti disponibili sul web per modificare i comportamenti di salute. (Newsletter 116 - Luglio 2013)
 
"Comunicare la Salute in 140 caratteri": Twitter e le aziende sanitarie Italiane
L’uso di Twitter da parte di 33 Aziende sanitarie italiane: attraverso una rilevazione sono stati raccolti a giugno 2013 dati sull’attività di microblogging di Aziende Sanitarie Territoriali (16), di Aziende Ospedaliere - IRCCS pubblici (6) e di Strutture sanitarie private (11). Questi dati sono presentati senza l’indicazione del Soggetto emittente, con medie aggregate su scala nazionale e, per quanto riguarda le ASL, con medie relative anche agli ambiti territoriali Nord Est, Nord Ovest, Centro e Sud. La ricerca ha inteso raccogliere tutti gli account Twitter attivati in Italia dai soggetti elencati. In sintesi: i 140 caratteri sono ancora utilizzati dalle strutture sanitarie, mediamente, in modo piuttosto basilare, come “canale informativo alternativo” dello sportello fisico o dei comunicati stampa e non come vero e proprio mezzo di promozione della salute, perdendo così interessanti possibilità. (Newsletter 116 - Luglio 2013)
 
Il canale Scoop.it "Social Marketing. Health Promotion"
  Sul canale Scoop.it "Social Marketing. Health Promotion" è possibile restare costantemente aggiornati con news su: Marketing Sociale, Promozione della Salute, Comunicazione, Salute, ambiente e disuguaglianze sociali.
(Newsletter 115 - Luglio 2013)

 
To Tweet or to Retweet? Un interrogativo per i professionisti della Salute su Twitter
Retweet Guidato dal modello MAIN (Sundar, 2008), questo studio ha esaminato gli effetti di tre indicatori sulla credibilità percepita nei messaggi di salute su Twitter: authority cue (autorevolezza della fonte), band wagon cue (influenza), e source proximity cue (rapporto tweet vs. retweet). È stato inoltre chiesto a studenti universitari americani, di seguire degli account Twitter, ed è emerso che per i tweet la credibilità dei contenuti è strettamente associata con l'expertise (competenza) della fonte mentre per i retweet con l'affidabilità della fonte.
(Newsletter 115 - Luglio 2013)
 
Twitter e indicatori di performance: I will follow!
I will follow (Twitter & U2) Lo scopo dell’articolo Use of Social Media in Health Promotion: Purposes, Key Performance Indicators, and Evaluation Metrics (Health Promotion Practice 2012) è di delineare le finalità per i social media applicati alla promozione della salute e monitorare gli indicatori chiave di performace (KPI) e le metriche. Gli autori fanno emergere il potenziale che offrono i social media relativamente alla capacità di interagire con il target. (Newsletter 114 - Luglio 2013)
 
DAE 2.0 Italia: quando il web 2.0 può salvare una vita
 

Sul canale di Scoop.it DAE 2.0 Italia è possibile rimanere sempre aggiornati con notizie riguardanti il Primo Soccorso, web 2.0 ed uso di defibrillaori, progetti sperimentali di mappatura DAE, oltre alla formazione e progetti innovativi in Italia e nel resto mondo.
(Newsletter 114 - Luglio 2013)

 

 

 

 
Twitter: le metriche in un caso studio
Si sta diffondendo sempre più l'uso dei Social Media nella promozione della salute. La sintesi si concentra sui concetti chiave contenuti nell'articolo originale "Evaluating social media's capacity to develop engaged audiences in health promotion settings: use of Twitter metrics as a case study": il potenziale dei social media nella promozione della salute, la gerarchia di valutazione e l'uso di metriche Twitter.
(Newsletter 113 - Giugno 2013)
 
Convegno "#web2salute: etica e tecnica"
La Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere (FIASO), nell'ambito del Laboratorio "Comunicazione e Promozione della Salute" e in occasione di Forum PA 2013, promuove un incontro di approfondimento sul tema "#web2salute: etica e tecnica". Ai partecipanti propone di interrogarsi su come si stia trasformando il ruolo dei pazienti nell'attuale mondo "ad alta digitalizzazione". Durante la giornata si svolge la premiazione del Concorso #web2salute.
(Newsletter 112 - Maggio 2013)
 
Cinquanta sfumature di e-patient
50 sfumature di e-patientUna costellazione di studi (ben 50!) per conoscere i diversi modi in cui internet ed i social media vengono utilizzati dai pazienti per diffondere informazioni, cercare riferimenti, condividere vissuti che riguardano percorsi e/o esperienze di salute/malattie. Qualche sfumatura è dedicata a riflessioni sulle competenze richieste ai professionisti per utilizzare/interagire con queste tecnologie e su quale tutela il paziente può contare per proteggere la propria privacy. (Newsletter 112 - Maggio 2013)
 
Strategie e strumenti della promozione della salute 2.0
Da scoop.it
Una panoramica sui temi del web 2.0 e della salute? L'attenzione all'utilizzo dei Social Media da parte delle strutture, dei medici e dei professionisti sanitari? Dalla e-health promotion all'e-patient, dalle norme sull'utilizzo dei social media da parte delle PA ai risvolti legali (e sociali, e di salute) di tale attività: articoli, revisioni e approfondimenti sul nostro canale di scoop.it, tavolo di lavoro per il Laboratorio FIASO "Comunicazione e promozione della salute" sulle strategie e sugli strumenti della "salute in digitale" in costante aggiornamento.
(Newsletter 112 - Maggio 2013)
 
Quando la frutta diventa social: alimentazione sana nella rete
trasporti
Nell'articolo Approaches to the Prevention and Management of Childhood Obesity: The Role of Social Networks and the Use of Social Media and Related Electronic Technologies, pubblicato su Circulation 2013, gli autori indagano sull'utilizzo del web 2.0 in interventi per la promozione di una alimentazione salutare. L'argomento dei social media per la diffusione di scelte alimentari sane trova altri, recenti, riscontri in letteratura. Tra gli altri, segnaliamo lo studio Facebook is an effective strategy to recruit low-income women to online nutrition education (J Nutr Educ Behav. 2013) e l'articolo What Kinds of Website and Mobile Phone-Delivered Physical Activity and Nutrition Interventions Do Middle-Aged Men Want? (J Health Commun. 2013).
(Newsletter 112 - Maggio 2013)
 
La produzione video della Cochrane Collaboration
cochrane20Il settimo capitolo della serie Cochrane20 si concentra sul focus del lavoro della Cochrane Collaboration: la produzione di Cochrane Reviews, le persone ed i processi che la sostengono, i progressi raggiunti ed i dati degli ultimi anni. Infine, compongono la sequenza le interviste fatte ai componenti della redazione Cochrane.
(Newsletter 112 - Maggio 2013)
 
Co-creation: la salute per le persone, dalle persone e con le persone
People Powered Health: health for people, by people and with peoplePeople Powered Health: health for people, by people and with people è un documento destinato a dirigenti, manager e professionisti di tutto il sistema della salute e del sociale. E' costruito sull'esperienza di articolazioni del NHS nel corso di molti anni e delinea le modifiche necessarie per aiutare il sistema sanitario a sfruttare al meglio le competenze e l'impegno dei professionisti, dei pazienti e delle comunità per affrontare una delle più grandi sfide strategiche per la salute: l'importanza crescente delle condizioni di salute di lungo termine. Tale sfida, afferma il documento, richiede un nuovo equilibrio tra prestazioni sanitarie per le persone, la gestione attiva della propria salute da parte degli individui, e reciprocio aiuto tra le persone. (Newsletter 111 - Maggio 2013)
 
Un premio per la salute e l'ambiente: i vincitori del gioco online Earth & Health
Green 2103: vincitori gioco online Earth & Health Premiati i vincitori del gioco online Earth & Health, promosso dalla Associazione Marketing Sociale e Comunicazione per la Salute (MKTS) in occasione del Green Social Festival 2013. Selezionati attraverso una estrazione casuale tra tutti i partecipanti all'iniziativa che hanno risposto correttamente alle domande in tema di ambiente e salute, i giovani vincitori e le giovani vincitrici hanno ritirato i premi in palio durante la cerimonia svoltasi presso l'Auditorium Enzo Biagi a Bologna. Il gioco online è stato realizzato in collaborazione con l'Associazione Donatori Midollo Osseo (ADMO) e l'Associazione Sostegno Ematologia Oncologica Pediatrica (ASEOP). (Newsletter 111 - Maggio 2013)
 
Promozione della salute e web 2.0: a Napoli nuove prospettive di comunicazione tra medici e pazienti
Il nuovo web magazine dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II. Area Comunicazione è un periodico on line rivolto ai professionisti della salute e ai cittadini, con articoli che riguardano la scienza e la medicina, la prevenzione e la promozione della salute, le iniziative di aggiornamento e formazione ma anche la cultura e la società, le innovazioni tecnologiche ed i nuovi media. Nato nel 2009 come un blog informativo aziendale, oggi il web magazine si presenta, a seguito di un significativo restyling, con un’impostazione di taglio giornalistico ed offre nuove funzionalità. I lettori possono, infatti, commentare gli articoli e condividerli sui principali social network. Il web magazine rappresenta sia uno strumento di comunicazione interna, perché consente ai professionisti dell’AOU di condividere le numerose attività cliniche e di ricerca svolte dall’Azienda, sia di comunicazione esterna, attivando un dialogo diretto ed innovativo con la cittadinanza sui temi della salute e del benessere.
(Newsletter 111 - Maggio 2013)
 
Pazienti e percorsi digitali, tra siti web, social network, mobile e video online
The digital journey to wellness hospitalNell'attuale mondo "ad alta digitalizzazione", i pazienti sono partner attivi nel proprio percorso di salute. Una recente ricerca commissionata da Google, The digital journey to wellness hospital, analizza quali fattori influenzano la scelta del luogo di cura, concentrandosi sull'impatto delle tecnologie digitali rispetto a tale decisione. Ponendosi dal punto di vista del paziente, lo studio fa emergere tre interessanti considerazioni. In primo luogo, la ricerca di informazioni, soprattutto online, è indispensabile nel percorso dei pazienti e la rappresentazione di un ospedale/struttura sanitaria è determinata in particolare dalla reputazione che ha, dal consiglio di medici, parenti e amici, ma anche dalla cura del suo sito web e dei percorsi di navigazione che esso permette. In secondo luogo, l'utilizzo del mobile (tablet e smartphone) si rileva di crescente importanza in tale ricerca e anche nella prenotazione delle prestazioni. I video online, infine, sono importanti per le strutture per raccontare storie di vita, informare e creare relazioni.
(Newsletter 111 - Maggio 2013)
 
Un servizio on-line per meglio comprendere le parole del medico
Certe volte per un paziente può risultare difficile capire il tipo di trattamento a cui è sottoposto. Nella maggior parte dei casi i termini medici non si possono certo definire “patient friendly” e una successiva ricerca sul web può solo peggiorare le cose, creando maggiore confusione. Per colmare questo gap comunicativo un'azienda americana offre un servizio online per aiutare il paziente a meglio comprendere le parole del proprio medico oltre a fornire un database di medici sempre disponibili.
(Newsletter 111 - Maggio 2013)
 
Scoop.it: tra intuizione ed evidenze
Dall'accout Scoop.it "Co-Creation in Health", si segnala l'articolo di Trisha Greenhalgh dal titolo "Intuition and Evidence - uneasy bedfellows?". L'intuizione come processo creativo, non manca di valore scientifico, anzi va riscoperta e portata allo stesso livello dell'evidenza. Evidenza ed intuizione possono così formare un circolo virtuoso per il progresso della ricerca. Sul canale Scoop.it, inoltre, sono trattati altri temi che comprendono l'e-patient, l'e-citizien e l'Health-Literacy. (Newsletter 110 - Aprile 2013)
 
La m-health e lo "scale-up": alla ricerca delle evidenze
m-health
Nonostante centinaia di studi pilota sulla m-Health, non abbiamo ancora una prova sufficiente dell’esistenza di una programmazione e di una implementazione di una scala di valutazione di mHealth. Nel testo “Scaling Up mhealth. Where is the Evidence?” si cerca di definire cosa costituisca una prova di ricerca sul processo di scale-up delle mHealth. I progetti di ricerca innovativi suggeriscono come le strategie multi fattoriali, gli studi controllati randomizzati e la coltivazione di dati possano fornire questa base di conoscenze.
(Newsletter 110 - Aprile 2013)
 
Una base scientifica per spiegare il perchè si diventa follower
twitter_scienzaUna ricerca intitolata “A Longitudinal Study of Follow Predictors on Twitter” condotta dal Georgia Institute of Technology ha esaminato 507 account di Twitter e 522.368 tweet nell’arco di 15 mesi, per stabilire con la maggiore scientificità possibile cosa spinge un utente a seguire qualcuno su Twitter. Dallo studio emergono 14 interessanti indicazioni strategiche per incrementare il proprio numero di follower
.
(Newsletter 109 - Aprile 2013)
 
A Milano al Social Media Week: "Essere Smart a Tutte le Età"
Social Media Week 2013Oggi viviamo in una società digitale, dove i social media occupano sempre più la scena. I tempi si restringono, le connessioni diventano sempre più veloci. Esiste il rischio di rimanere indietro, di trovarsi in difficoltà, specialmente per la generazione "Over 60"? Durante l'incontro dal titolo "Essere Smart a Tutte le Età" del 21 febbraio, all'interno del Social Media Week 2013, a Milano, si parlerà di alcuni fra questi temi attuali: come rendere la tecnologia ed il mondo dei social network facili e utili anche per i meno giovani. (Newsletter 107 - Febbraio 2013)
 
I vertici aziendali ed il mondo dei Social Media
I vertici aziendali ed il mondo dei Social MediUna ricerca condotta dalla Stanford University, su un campione di senior manager di importanti aziende americane, sostiene che i vertici aziendali conoscono i social media ed i rischi derivanti dall'errato utilizzo, ma non riescono a sfruttarli per ottenere dei vantaggi. Lo studio mostra una conoscenza parziale del mondo social. Esiste infatti, una differenza tra quello che i vertici sanno e quello che fanno: le aziende in sostanza, non raccolgono dati in maniera strutturata e non sono in grado di implementare i social network nei piani operativi e nella gestione del rischio. Ancora i senior manager, non concepiscono i social media come strumento di comunicazione interna. Gli autori propongono possibili rimedi a questo gap.
(Newsletter 107 - Febbraio 2013)
 
Lotta al fumo "in digitale", a che punto siamo?
Lotta al fumo in digitale
In tema di valutazione dei media digitali e del mobile per la lotta al fumo, il 2012 è stato un anno proficuo per portare alla luce qualche certezza in più. In particolare sono stati pubblicati due interessanti contributi:
- la review Cochrane Mobile phone-based interventions for smoking cessation, che evidenzia come i messaggi di testo e video tramite cellulare possono essere utili per abbandonare le sigarette. Gli autori della ricerca hanno infatti rilevato che le persone che ricevevano messaggi motivazionali e consigli sul cellulare avevano più probabilità di smettere in un periodo di sei mesi.
- lo studio Effectiveness and cost-effectiveness of computer and other electronic aids for smoking cessation: a systematic review and network meta-analysis, dal quale emerge come l'opportunità di mettere a disposizione forme di supporto digitale per quanti stanno smettendo di fumare ha elevate possibilità di rilevarsi cost-effective. (Newsletter 106 - Febbraio 2013)
 
Dalle aule del corso di Marketing sociale alla rivista Tabaccologia
App per smettere di fumare?
Durante il corso di Marketing sociale presso l'Università di Bologna - Corso di Laurea magistrale in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale diretto dalla prof.ssa Pina Lalli - hanno presentato, sulla base delle esperienze e delle riflessioni emerse, un progetto sulla lotta al tabagismo incentrato sull'utilizzo dei telefoni cellulari di ultima generazione. Poi hanno continuato a mantenere vivo l'entusiasmo per la propria idea. Alla fine la perseveranza di Serena Bucci, Giorgia Deiuri, Marcella Ipocovana, Marcello Maiano e Simone Minghinelli, giovani studenti di Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale, ha permesso loro di pubblicare l'articolo 'Chi la smette la vince!' Un’App per smartphone sui Centri Antifumo sulla rivista 'Tabaccologia', organo ufficiale della SITAB (Società Italiana di Tabaccologia).
(Newsletter 106 - Febbraio 2013)
 
Tra salute e disease mongering
disease mongering In sintesi, che cosa è il disease mongering? Letteralmente è la "mercificazione delle malattie" che, secondo molti, esemplifica l'espressione più estrema ed attuale del marketing del farmaco e del sovratrattamento. Non più solamente la promozione dei farmaci, tecnologie o screening non evidence, ma delle stesse malattie, spingendo verso indagini diagnostiche o cure non necessarie per la salute dei cittadini. Seguendo una tematica centrale e dibattuta come il disease mongering abbiamo creato una pagina dedicata sull'aggregatore di contenuti scoop.it, per segnalare le notizie e le opinioni più importanti nel panorama odierno. (Newsletter 105 - dicembre 2012)
 
Internet Festival con MKTS
Internet Festival 2012Tra il 4 e il 7 ottobre 2012 si svolge a Pisa un evento che intende contribuire a "dare forma al futuro": l'Internet Festival, attraverso eventi, incontri, confronti, spettacoli, esperienze, laboratori, mette a confronto 100 e più esperti, influencer, opinionisti, ricercatori, politici, imprenditori, top user, artisti e semplici appassionati su quando è e diventerà il web. Nell'ambito del Festiva si tiene il panell “In salute con i social media” con Giuseppe Fattori, Giovanna Marsico, Elena Pirofalo, Marcello Pacitti, Claudia Buzzi. Modera Luca Conti. L'intervento di Giuseppe Fattori.
(Newsletter 103- ottobre 2012)
 
Web 2.0 & Social Marketing
Journal of social marketing
Il Journal of Social Marketing pubblica lo studio Web 2.0: an assessment of social marketing principles, basato sulla revisione critica della letteratura esistente e sulla ricerca on line di iniziative che rientrano nei parametri di "campagna web 2.0" . I risultati evidenziano come sia possibile utilizzare specifici principi del marketing sociale nel disegno e nella implementazione di una iniziativa basata sui social network. Nello specifico: l'orientamento al consumatore, il cambiamento di comportamento, la segmentazione e l'individuazione di uno specifico gruppo target, il marketing mix e la multimedialità, lo scambio e la competizione. Il confronto tra esempi di campagne di marketing commerciale e iniziative di marketing sociale accompagna la struttura argomentativa dell'articolo. (Newsletter 103- ottobre 2012)
 
Scrivere per i social media: un aiuto dai CDC
Guide to Writing for Social Media Grazie all'esperienza maturata negli ultimi anni di campagne di comunicazione per la salute on line, i CDC diffondono la propria "Guide to Writing for Social Media". Dagli esempi positivi di differenziazione dei messaggi alle modalità per rendere i contenuti più facilmente condivisibili con altri, dal coinvolgimento dei destinatari alle strategie di empowerment per poter compiere autonomamente scelte a vantaggio della propria salute, fino agli errori più banali che possono essere facilmente evitati, la guida si rivela un interessante strumento per quanti utilizzano professionalmente canali come Facebook, Twitter, gli sms per trattare temi di salute. (Newsletter 102 - settembre 2012)
 
Pinterest e salute: idee e opportunità
Mobile subscriptionLa lettura dell'articolo "How the medical industry is using (and could use): Pinterest" suggerisce interessanti prospettive nella definizione di una social media strategy che includa la condivisione di immagini. Pinterest, che si integra agilmente con Facebook, Twitter, blog e siti web, presenta casi ancora sperimentali di utilizzo su temi quali sanità e salute, con approcci variegati e idee ancora embrionali. La possibilità di raccontare storie attraverso le immagini e di creare community che condividono specifici interessi consente di aggregarsi attorno ad argomenti collegati ad alcune delle principali patologie, con spazio anche per iniziative nel campo delle prevenzione e della promozione della salute. (Newsletter 102 - settembre 2012)
 
L'evoluzione dei Social Media: un report che ne sottolinea la crescita costante
I social media si stanno consolidando, ma soprattutto stanno crescendo rapidamente offrendo a tutti la possibilità di coinvolgere utenti in tutto il mondo. ll recente Social Media Report di Nielsen e NM Incite, fotografa perfettamente questa crescita alimentata in special modo dalla diffusione di tecnologie Mobile. In sintesi il tempo medio speso sui social media risulta essere il maggiore rispetto a qualsiasi altro sito di oggi. Da sottolineare come Facebook rimanga il Social più visitato, anche su piattaforma mobile.
 
La salute ai tempi del web 2.0. Al Festival della Salute: il gioco online "#Web2salute"
#web2salute
Come coinvolgere le nuove generazioni, ragazze e ragazzi nativi digitali e indigeni della rete, in una riflessione sulla propria salute e sui corretti stili di vita che la determinano? Forse invitandoli a partecipare a un gioco a premi su twitter, nell'ambito di un contesto prestigioso come il Festival della Salute che anima il settembre Versiliese. Questa la strada scelta dal "Gioco Online #web2salute" promosso da MKTS. Per partecipare basta un Tweet inviato a @mktsociale, con hashtag #web2salute che contenga una frase o un' immagine su quattro temi principali: Mangiar Sano, Attività Fisica, Alcol, Fumo. Le premiazioni dei tweet migliori il 27 settembre alle ore 10 durante il Festival della Salute Junior al "Caffè della Versiliana" a Marina di Pietrasanta (LU), nel corso dell'incontro “La salute ai tempi del web 2.0”. (Newsletter 101 - Luglio 2012)
 
"#Web2salute" corso gratuito di Webicina
webicinaCon l'avvento dei social media si assiste ad un cambiamento della medicina. Occorre una "rivoluzione" nell'educazione medica. A tal fine, Bertalan Mesko, medico ungherse e fondatore di Webicina.com, propone "The Social MEDia Course".
(Newsletter 101 - Luglio 2012)
 
L'attività di MKTS con i social media "si fa in cinque"
MKTS ha da tempo deciso di puntare sulle potenzialità dei social media e dei suoi strumenti. Sfruttando anche il brand "#web2salute" che vuole unire salute e web 2.0, da oggi è possibile seguire gli aggiornamenti delle attività di MKTS su: Twitter, Pinterest (il noto social media fatto di immagini), Paper.li, Scoop.it (utili strumenti per il content marketing) ed infine Storify.
(Newsletter 101 - Luglio 2012)
 
#web2salute, a Venezia tra Guadagnare Salute, FIASO e i premi per l'innovazione
#web2salute Primo classificato: "A piedi per Bolzano" "Per l’abilità di integrare le energie e le risorse delle reti 'di persone' e 'virtuali', dando continuità alle iniziative sul territorio con canali e strumenti innovativi di comunicazione, utilizzati con modalità originali e coinvolgenti". Con questa motivazione, che sottolinea il legame fondamentale tra i network reali e digitali nel campo della promozione della salute, il comune di Bolzano è stato premiato per il concorso #web2salute, insieme ad altri progetti innovativi. La premiazione è avvenuta durante il seminario FIASO "Web 2.0 e salute", svoltosi nella cornice della kermesse di Guadagnare salute.
(Newsletter 100 - luglio 2012)
 
E se la pubblicità su Facebook invita a smettere di fumare?
FB advertising & stop smokingIl concorso a premi per diventare non fumatori "Scommetti che smetti?", proposto a cadenza annuale in provincia di Modena sulla scia dell'esperienza internazionale di "Quit&Win", si arricchisce ogni anno di nuove forme e strategie di comunicazione. Nel 2012 le Aziende Sanitarie modenesi, che promuovono l'iniziativa, hanno puntato anche sulla pubblicità attraverso Facebook per sostenere le iscrizioni al concorso, ottenendo risultati più che soddisfacenti rispetto agli investimenti su altri media, soprattutto grazie alle possibilità di segmentazione del canale.
(Newsletter 100 - luglio 2012)
 
Come la gamification cambia le campagne di promozione della salute
gamificatinLa gamification, trend in crescita nella promozione della salute, mostra come divertimento ed esperienze sociali possono notevolmente migliorare e cambiare il comportamento delle persone. Impiegare la gamification nelle campagne di promozione della salute porta a notevoli benefici: sono già numerose, infatti, le campagne di successo che, discostandosi da un approccio classico, impostano la loro strategia sul gioco, la sfida e il social.
(Newsletter 100 - luglio 2012)
 
Materiali di lavoro Venezia 2012

 

Tra gli studi recenti in tema di utilizzo del Web 2.0 e del mobile per la promozione della salute:

Le giornate di studio dedicate, dal 2002, all'approfondimento in tema di salute ed evoluzione tecnologica.
Il concorso #web2salute 2012.

 

 

Cancer Contribution, la salute (e il web) dalla parte del cittadino
Giovanna Marsico #web2saluteIn un video pubblicato su YouTube, Giovanna Marsico, avvocato di origini italiane che vive e lavora in Francia nel settore della "e-santé", sintetizza gli obiettivi e le azioni di una iniziativa sociale come Cancer Contribution. Il portale nasce come una piattaforma che mette in rete pazienti, medici, decisori, associazioni e singoli cittadini per partecipare alla costruzione collettiva di una nuova narrazione e rappresentazione del cancro e del suo impatto sulla società. (Newsletter 99 - giugno 2012)
 
E-health 2.0 per il patient empowerment
Patient empowerment #web2saluteNell'articolo "E-Health 2.0 Tecnologie per il Patient Empowerment", Luca Buccoliero, docente di marketing dei servizi pubblici presso il Dipartimento di Marketing dell’Università Bocconi di Milano, presenta le aree di applicazioni tecnologiche che oggi più si legano al conseguimento degli obiettivi di patient empowerment, in particolare l'adozione di tecnologie web per l’erogazione di servizi innovativi a valore aggiunto per il cittadino. (Newsletter 99 - giugno 2012)
 
Web 2.0 & evidence in un'infografica
#web2saluteCurata da Marco Bardus e da Suzanne Suggs, l'infografica "Social Media & Social Marketing: a systematic review of the evidence" rappresenta un valido tentativo di rispondere a specifiche questioni: quanto l'uso dei social media in progetti di marketing sociale è trattato e studiato nella letteratura? Quali teorie o modelli, se vi sono, soggiaciono ai progetti analizzati? Quali indicatori di risultato, se vi sono, vengono inseriti e riportati?
(Newsletter 99 - giugno 2012)
 
Valutare e migliorare la promozione della salute sui social network
futureLo studio di Neiger, Thackeray et al, Use of social media in health promotion: purposes, key performance indicators, and evaluation metrics prova a posizionare il ruolo del Web 2.0 nelle strategie di diffusione di stili di vita salutari. Non un mero esercizio accademico, ma una proposta concreta per identificare identificatori sensibili che consentano di valutare i progetti concreti che si stanno realizzando attraverso i social media.
(Newsletter 99 - giugno 2012)
_______________________________________________________________
Web 2.0 e salute

 

 
Salute e nuovi media, Web 2.0, mobile: quale comunicazione?
Randall Munroe: mappa dei social networkLa promozione della salute nel mondo dei social network, delle esperienze di continua ri-definizione dei contenuti e di condivisione online: come comunicare temi quali la lotta all'alcol e al fumo di sigaretta, la prevenzione della diffusione dell'AIDS, l'importanza del movimento (non basta lo "sforzo fisico" di cliccare sul mouse...) e della sana alimentazione attraverso Facebook, Twitter, YouTube, Foursquare? Una realtà in rapida evoluzione (vedi la "mappa" di Randall Munroe in confronto alla prima di qualche anno fa), nella quale gli indigeni sono i Nativi Digitali. Ma anche un mondo da "connettere" a quello reale, nel quale la salute rimane una risorsa indispensabile, per tutte le generazioni.
Su Facebook, tra movimento e divertimento
GUADSIl Social Marketing Quarterly ha pubblicato uno studio relativo alla percezione e all'utilizzo della pagina Facebook del progetto Get Up and Do Something (GUADS), lanciato nello Stato americano del Delaware dal Dipartimento Salute e Servizi Sociali e dalla Università locale. Il progetto GUADS promuove l'attività fisica e la corretta alimentazione, spaziando tra divertenti hit musicali che invitano al movimento, percorsi turistici di riscoperta del territorio, ricette e corsi di cucina. La frequenza di visite, di click e di lettura dei post della pagina Facebook del progetto (e del relativo sito web) sono positivamente correlati, nello studio, ad atteggiamenti e comportamenti di salute. (Newsletter 98 - maggio 2012)
 
Tweet e diffusione delle informazioni: quanto contano i "mediatori"?
Centro Nazionale SangueContesti virtuali e relazioni: uno studio recente incentrato su Twitter ha confermato un parallelismo tra le reti sociali online e offline: interazioni personali sono più probabili attraverso collegamenti interni ai gruppi (la debolezza dei legami forti), mentre le nuove informazioni si diffondo soprattutto attraverso links di collegamento tra diversi gruppi (la forza dei legami deboli) oppure, ancora di più, attraverso link di collegamento tra utenti appartenenti a diversi gruppi che agiscono come mediatori (la forza dei legami intermedi). (Newsletter 98 - maggio 2012)
 
Obesità e Twitter Chat con i CDC di Atlanta
The Wheight of the NationL'obesità, oggi, è sempre più diffusa: per discutere e confrontarsi sul tema, il direttore dei CDC di Atlanta ha utilizzato una Chat di Twitter. In questa occasione è stato, inoltre, presentato un documentario intitolato "The Wheight of the Nation", (sottile il gioco di parole con "La nascita di una nazione" - "The Birth of a Nation", film muto diretto da Griffith del 1915). Il filmato è prodotto da HBO, in associazione con i CDC ed il National Istitute of Health. (Newsletter 98 - maggio 2012)
 
Linee guida per il trattamento dei dati personali nei siti dedicati alla salute
Percorso
Nei portali web e nei social network sono sempre di più gli utenti che, spesso inavvertitamente, diffondono informazioni sensibili sulla propria salute e si scambiano pareri ed esperienze su tematiche che riguardano proprie patologie. Con l'obiettivo di aumentare la soglia di consapevolezza su quanto si comunica di sé, il Garante per la protezione dei dati personali ha prodotto le "Linee guida in materia di trattamento di dati personali per finalita' di pubblicazione e diffusione nei siti web esclusivamente dedicati alla salute".
 
Vademecum Pubblica Amministrazione e social media
PA SocialIl Vademecum Pubblica Amministrazione e social media è stato redatto a dicembre 2011 nella consapevolezza che il rapporto tra PA e cittadini sta vivendo una fase di profondo mutamento. I siti istituzionali non costituiscono più il principale punto di accesso alle informazioni. Sempre più spesso i cittadini cercano sul Web la soluzione ai propri problemi, si informano attraverso le proprie reti di relazioni, cercano il dialogo diretto con il proprio interlocutore, sia esso un’azienda o un ente pubblico. In questo scenario, gli spazi di social networking rappresentano una grande opportunità per la PA, non solo per informare e comunicare in maniera efficace ma anche per costruire una relazione di fiducia, per ascoltare e monitorare il livello di soddisfazione dei cittadini.
 
Linee guida per i siti web delle pubbliche amministrazioni
Web PALe Linee guida per i siti web delle pubbliche amministrazioni, pubblicate nel 2011 e previste dall’art. 4 della Direttiva del Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione 26 novembre 2009, n. 8, intendono suggerire alle PA criteri e strumenti per la riduzione dei siti web pubblici obsoleti e per il miglioramento di quelli attivi, in termini di principi generali, modalità di gestione e aggiornamento, contenuti minimi. A tal fine, le Linee guida sono finalizzate a delineare gli aspetti fondamentali del processo di sviluppo progressivo dei servizi online e di offerta di informazioni di qualità rivolte al cittadino, che deve contraddistinguere ogni pubblica amministrazione.
 
Web sociale per donare
Centro Nazionale SangueIl Centro Nazionale Sangue partecipa al Public Communication of Science and Technology Congress (Firenze, 18-20 aprile 2012) presentando i primi risultati di una indagine che ha condotti assieme ai ricercatori di Observa sulle potenzialità offerte dai social network per la promozione della salute fra i giovani. Il Centro è stato negli ultimi anni grande protagonista nella comunicazione per la salute, sviluppando interessanti Piani di Comunicazione e costruendo una forte rete di relazioni. (Newsletter 95 - aprile 2012)
 
La differenza tra Social Marketing e Social Media Marketing in un Tweet
Con la diffusione sempre più massiccia dei Social Media, si sta generando un po' di confusione tra il Social Marketing ed il marketing fatto sui Social Media, ovvero il Social Media Marketing. Direttamente dall'account di MKTSociale il tweet giusto (13 Aprile) per chiarire con l'aiuto dell'infografica le differenze. (Newsletter 95 - aprile 2012)
 
L'efficacia del Web 2.0 e dei Social Media nel comunicare la salute
L'articolo qui proposto è un adattamento a cura di Elena Barbera ed Eleonora Tosco di Dors (Centro Regionale di documentazione per la Promozione della Salute, Piemonte), dell’articolo di Marco Bardus, dell'Università della Svizzera italiana, dal titolo: “The Web 2.0 and Social Media Technologies for Pervasive Health Communication: Are they Effective?”. Il testo vuole esplorare la letteratura scientifica e riportare i risultati sull’utilizzo dei media sociali in campagne o interventi di comunicazione per la salute. In particolare, si è cercato di individuare i temi trattati, i tipi di media sociali utilizzati, i risultati associati al loro utilizzo ed eventuali indicazioni sulla loro efficacia nel modificare comportamenti legati alla salute. lla rete. (Newsletter 94 - marzo 2012)
 
Nuovi media e controllo del tabagismo
Le industrie del tabacco ogni giorno promuovono i propri prodotti online. L'intento di Freeman B., dell'Università di Sydney è quello di introdurre un modello di regolamentazione per limitare l'esposizione al marketing massivo dei produttori di tabacco. La possibilità di utilizzare i nuovi media per controllare la diffusione del tabagismo esiste. Si può arrivare ad una supervisione elettronica dei data-base esistenti; già sui maggiori Social Media come Twitter, Youtube e Facebook, c'è un filtro per i contenuti dei messaggi pubblicitari inviati. Il dibattito dunque è aperto, nella consapevolezza delle correnti di pensiero sulla libertà della rete. (Newsletter 93 - marzo 2012)
 
I Social Media utili in una strategia di Marketing Sociale
Secondo Rosemary Thackeray, Brad L. Neiger e Heidi Keller, i Social Media e il Marketing Sociale si possono integrare in un unico modello. I Social Media, infatti, se impiegati correttamente, sono in grado di aiutare le organizzazioni nell'aumentare la capacità di porre gli utenti al centro dei processi di social marketing. In proposito l'articolo pubblicato da Health Promoction Practice fornisce un modello di riferimento. In ogni caso, il dialogo che si instaura con il target di riferimento è il vero valore aggiunto dato dai Social Media.
(Newsletter 93 - marzo 2012)
 
Salute e comunicazione dal Barilla Forum, "Cibo per la Mente"
Barilla_Aviva_MustL'amico Luca Conti, durante il Barilla Forum svoltosi nel dicembre 2011, intervista Aviva Must, docente di salute pubblica. Tema dell'intervista: come la comunicazione on-line, i social media e la tecnologia possono aiutare a modificare comportamenti, diffondere informazioni di servizio sulla salute e cambiare gli stili di vita.(Newsletter 91 - Gennaio 2012)
 
Il Web 2.0 e la costruzione della "Salute Digitale"
Ratzan_web
Parlando di tecnologie della comunicazione interattiva, secondo Scott C. Ratzan stiamo vivendo un epoca di opportunità mai avute prima. Queste cosiddette “tecnologie partecipative”, come il Web 2.0, devono essere ben sfruttate ed usate sia dai potenziali pazienti sia dagli stakeholder. Grazie alla sempre più crescente “salute digitale”, oggi dobbiamo essere in grado di sviluppare strategie di comunicazione della salute efficaci nel prevenire, soccorrere e supportare i pazienti in qualsiasi luogo essi risiedano. La comunicazione ideale sarà quella che riuscirà ad unire l'Health Literacy ad una buona base epistemologica.
(Newsletter 91 - gennaio 2012)
 
Comunicazione per la salute, prospettive 2012
Nuova_era_comu
I nuovi media permettono una connettività fra persone impensabile solo pochi anni fa. Anche la cumuncazione della salute, secondo Scott C. Ratzan (Journal of Health Communication 2011, 16:8), è cambiata: grazie ai Social Network, blog, Google, vi sono molte più informazioni disponibili. Si deve, in ogni caso fare attenzione, poichè a questo aumento comunicativo corrispondono una minore scientificità e una maggiore disinformazione. Ci troviamo in una nuova era di "conoscenza globale" anche sui temi di salute e le sfide da affrontare sono molteplici.
[Newsletter 90 - dicembre 2011]
 
L'E-Health Literacy e i futuri professionisti della sanità
health literacyL'E-Health Literacy è la capacità di un individuo di cercare, trovare, capire, valutare le informazioni per la salute rese disponibili on-line per saperle applicare nella pratica. Ma i giovani studenti di medicina (fascia d'età 17-27 anni) vengono formati all'impiego proattivo di internet? Questa revisione sistematica operata dagli autori Stellefson, Hanik, Chaney, Tennant e Chavarria, mostra com sebbene gli alunni siano "molto connessi", la loro e-Health Literacy sia generalmente non adeguata.
[Newsletter 90 - dicembre 2011]
 
Learning by Tweeting
Sondaggio sul marketing sociale
I professionisti del marketing usano Twitter in modo intensivo per comunicare, per monitorare i clienti, per osservare i concorrenti, per l’analisi della brand image, del prodotto e dell’azienda. Twitter può ugualmente essere utilizzato dai professori di marketing per impegnare i propri allievi in conversazioni a scopo didattico nei corsi di marketing? Secondo Rinaldo, Tapp e Laverie certmente si: Twitter può rappresentare uno strumento di sicuro aiuto nell’apprendimento esperienziale. I professori, infatti, possono usare Twitter per comunicare direttamente con gli studenti, per generare discussioni didattiche, per fornire esempi.
(Newsletter 88 - novembre 2011)
 
Tecnologia e società, Festival della Scienza 2011
Ambiente - Trafoi
Dal Festival della Scienza 2011, svoltosi a Genova, sono rilanciati punti di vista originali, critici e spesso divergenti sull'evoluzione tecnologica in corso. L'intervista a Evgeny Morozov, giovane blogger e giornalista controcorrente, tratta de l'ingenuità della rete. Bruce Sterling, tra i fondatori del cyberpunk, parla del presente/futuro dell'informazione e dell'editoria. Derrick de Kerckhove, sociologo e noto allievo di Marshall McLuhan, tratta del concetto di intelligenza collettiva.
 

Media ed educazione tra strategie di ricerca e sistema-territorio
Cremit
Il Centro di Ricerca sull’Educazione ai Media all’nformazione e alla Tecnologia (CREMIT) ha organizzato nello scorso 18 ottobre una giornata di studio allo scopo di riflettere sul rapporto tra media ed educazione a partire dal nodo della ricerca.

Il professor Pier Cesare Rivoltella ha moderato la tavola rotonda durante la quale il confronto si è focalizzato su tre aspetti importanti dell’educazione e uso dei nuovi media:

  • i consumi mediali dei bambini e degli adolescenti (P. Ferri, Università Milano Bicocca);
  • la dimensione etica e quella estetica dei nuovi media (R. Diodato, Università Cattolica del Sacro Cuore);
  • le tecnologie nelle organizzazioni complesse (L. Cantoni, Università della Svizzera Italiana).

Nella sessione pomeridiana, per favorire la messa in pratica di quanto appreso nel corso del lavoro laboratoriale, .sono stati attivati dei workshop paralleli sui temi: video-attivo, curricolo di educazione mediale, produzione video nella scuola dell'infanzia, strumenti di ricerca educativa. (Newsletter 87 - ottobre 2011)

 
E-health, costruire la salute in rete
E-health
I criteri della ricerca scientifica e le tecniche del giornalismo investigativo: dalla sinergia di questi due approcci nasce lo studio di Irene Giurovich "E-health, costruire la salute in Rete, prospettive e limiti", recentemente discusso come Tesi di Laurea Specialistica in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale dell’Ateneo di Bologna. La dissertazione tratta del cyber-paziente alla ricerca di informazioni di carattere sanitario in Internet, facendo emergere opportunità, ostacoli e minacce nell'autodeterminazione online della propria salute. Questo l'indice della Tesi. (Newsletter 84 - maggio 2011)
 
Tag e contenuti evidence based, la lotta al fumo nei video su YouTube
Fumo e YouTubeUn recente studio pubblicato da Tobacco Control ha analizzato quanto i video postati su YouTube ed etichettati con parole chiave inerenti la lotta al fumo affrontino effettivamente tale argomento, verificando inoltre se essi diano o meno rappresentazione di strategie Evidence Based (EB) per l'abbandono della sigaretta. L'articolo invita a riflettere sul'utilizzo dei tag: i video con il tag "smoking cessation", termine maggiormente utilizzato dai professionisti della promozione della salute, sono risultati essere quelli con più contenuti EB, mentre quelli etichettati con le parole chiave più ricercate dai navigatori (come "stop smoking" e "quit smoking") non si sono rivelati altrattanto "solidi" dal punto di vista della qualità.
(Newsletter 81 - marzo 2011)
 
AIDS & Social networks, to tag or not to tag?
AIDS & Social Network
Circa un quarto del campione interessato a ricevere informazioni sull'HIV/AIDS attraverso un Social Network Service (SNS), Il 41% pronto a recepire messaggi sull'argomento da parte di una persona o di una organizzazione presente nella propria lista di amici, il 21% aperto a tali comunicazioni da una fonte esterna, il 60% interessato a completare un test online tramite SNS per valutare il proprio grado di rischio/esposizione rispetto all'infezione da HIV. Questi alcuni dati che emergono da uno studio recentemente pubblicato dalla rivista online Cases in Public Health Communication & Marketing.
(Newsletter 79 - febbraio 2011)
 
Condom, No Condom?
Video Condom, No Condom?Il video interattivo Condom, no condom? è stato lanciato su YouTube dal NHS inglese con l'obiettivo di far riflettere sulle scelte che possono essere effettuate in tema di utilizzo del preservativo e di sesso sicuro, mostrando la "conclusione della storia" alla quale possono condurre. Caratteristica del video, segnalatoci da Luca Conti, sono infatti "i bivi": alla fine di ogni sequenza che racconta episodi della vita quotidiana, è necessario selezionare un'azione per visualizzare la sequenza successiva: comprare o no il preservativo per una festa? indossarlo o meno? (Newsletter 79 - febbraio 2011)
 
Internet e AIDS, tecnologia e processi socioculturali
AIDS
Su segnalazione della Prof.ssa Pina Lalli - Università di Bologna, invitiamo alla lettura dello studio di Synda Ben Affana pubblicato dalla Revue internationale de communication sociale et publique. L'articolo presenta i risultati di uno studio sulla "appropriazione sociale" di Internet da parte di volontari del Quebec e della Tunisia nella lotta contro l'AIDS, sottolineando come entrambi i gruppi utilizzino "il virtuale" per comunicare tanto con l'altro singolare quanto con l'altro che è geograficamente vicino, in un processo comunicativo che valorizza le potenzialità della tecnologia e dell'interazione preesistente in uno specifico contesto socioculturale.
(Newsletter 78 - gennaio 2011)
 
Lotta al fumo on-line: Stop-tabac.ch
Stop-tabac.ch"Buongiorno a tutti, io ho smesso di fumare il 26 settembre 2009 dopo 15 anni di tabacco (30 sigarette al giorno nell'ultimo periodo [...]". Questa una delle storie postate su Stop-tabac.ch, il sito dell'Istituto di Medecina Sociale e Preventiva dell'Università di Ginevra. ll portale propone un aiuto gratuito e un sostegno personalizzato alle persone che vogliono smettere di fumare. Offre infatti test, guide, consigli personalizzati, informazioni sulla dipendenza da fumo, puntando inoltre su canali e strumenti di scambio e condivisione: forum, chat, testimonianze.
(Newsletter 77 - novembre 2010)
 
"Oltre i muri": flash mob e video virali per l'inclusione sociale
Oltre i muri
"Oltre i muri" è un percorso di comunicazione e integrazione che coinvolge sei associazioni del volontariato modenese nella lotta all'indifferenza e al pregiudizio verso quanti sono colpiti da patologie invalidanti. La campagna è stata lanciata attraverso un flash mob (riunione improvvisa di un gruppo di persone in uno spazio pubblico per realizzare un'iniziativa insolita), evento durante il quale è stato abbattuto un muro simbolo del rifiuto e dell'esclusione. Nell'occasione è stato girato un video dalle caratteristiche "virali", per facilitare la condivisone in rete del messaggio di sensibilizzazione veicolato dall'iniziativa. (Newsletter 77 - novembre 2010)
 
AIDS, prevenzione 2.0
Aids, using new mediaL'utilizzo dei nuovi media è alla base delle più recenti strategie per la prevenzione dell'HIV/AIDS condotte negli Stati Uniti. Il portale AIDS.gov coglie le opportunità del Web 2.0 per "connettere, collaborare, creare e coinvolgere" attorno al tema AIDS. Guida infatti alla pianificazione di un new media plan attraverso una riflessione su: People (a chi ci si rivolge? quali gli strumenti più utilizzati dai destinatari?); Objectives (si intende sviluppare applicazioni per ascoltare i destinatari, o per parlare con loro? si facilita la condivisione di messaggi?); Strategy (si punta ad incrementare il numero di test? a diffondere maggior consapevolezza?); Technology (podcast, wiki, social network, blog: quali canali?).
 
Creatività, ironia e condivisione in rete contro il tumore al seno
campagna "iomipalpo" di pazienti.orgLanciata dal portale Pazienti.org, "iomipalpo" è una campagna di comunicazione virale fortemente innovativa che invita tutte le donne in rete a prendere posizione a favore della diagnosi precoce del tumore al seno e della prevenzione di questa patologia. L'idea è semplice: fotografarsi mentre si esegue la palpazione del seno e aggiungere lo scatto in modo anonimo sul sito dell'iniziativa, contribuendo con la propria azione, creatività e ironia a sensibilizzare su un gesto che aiuta prendersi cura della propria salute. Il racconto di esperienze di prevenzione, scoperta, sofferenza e cura del tumore inserito da donne di tutte le età rafforza la condivisione e la partecipazione all'iniziativa. Cosa ne pensate?
(Newsletter 76 - ottobre 2010)
 
Dai CDC, una guida ai social media per comunicare la salute
Toolkid CDCSempre all'avanguardia nello sperimentare e applicare nuove strategie di promozione della salute, i CDC di Atlanta hanno elaborato un Toolkit rivolto a chi si occupa di comunicazione su sani stili di vita utilizzando in particolare strumenti quali Facebook, Twitter, YouTube e altri social media. Dalle scelte organizzative necessarie a supportare la realizzazione di attività online sulla lotta al fumo, all'alcol, ecc, fino alle competenze operative, lo strumento si presenta particolarmente interessante e ricco di idee.
(Newsletter 75 - ottobre 2010)
 
Con Luca Conti per esplorare il web 2.0 nella promozione della salute
Luca ContiLuca Conti, collaboratore de Il Sole 24 ore e consulente per i media digitali, è intervenuto con Giuseppe Fattori, MKTS, nell'incontro Web 2.0 e salute: conoscenze teoriche e pratiche (Bologna, ComLab 2010). Seguendo una narrazione attenta e puntuale del perché non è possibile improvvisare iniziative di promozione della salute sui più noti social network, in quanto un approccio professionale a tali strumenti informativi e relazionali è sempre più necessario, Conti ha illustrato innovative esperienze online di promozione di sani stili di vita.
(Newsletter 75 - ottobre 2010)
 
Comunicazione sociale per la salute
Web 2.0 peopleIl 26 novembre 2010 a Bologna si svolge una giornata di formazione dedicata a chi opera nella comunicazione. L’evento “Comunicazione sociale per la salute. Salute 2.0 esperienze e interrogativi” è organizzato dall’Agenzia Informazione e Ufficio Stampa della Giunta Regionale Emilia-Romagna in collaborazione con il Dipartimento Discipline della Comunicazione - Università di Bologna e Fondazione Pubblicità Progresso, con l’intento di approfondire le opportunità che offre il web 2.0 per i comunicatori e per i cittadini.
(Newsletter 75 - ottobre 2010)
 
Comunità on-line per smettere di fumare
Correlazioni in QuitNet
Lo studio Social Network Structure of a Large Online Community for Smoking Cessation (American Journal of Public Health, 2010) indaga sulle caratteristiche della rete creatasi attorno a QuitNet, comunità on-line che si contraddistingue per il sostegno e l'influenza sociale nell'abbandono della sigaretta. Legami forti e legami deboli, densità delle relazioni e degli scambi comunicativi, sottogruppi ben identificabili sui quali intraprendere specifiche iniziative di prevenzione: la ricerca aiuta a comprendere le peculiarità di social network nei quali l'elemento aggregante è la promozione della salute. (Newsletter 74 - ottobre 2010)
 
CDC e nuovi media, esplorazione continua
CDC e New MediaUna sezione che raccoglie le esperienze più innovative di comunicazione per la salute realizzate attraverso i nuovi media e il web 2.0: nel sito dei CDC di Atlanta, attraverso la ricerca della voce “New Media”, si aprono numerosi percorsi per un approccio al tema delle nuove tecnologie nelle iniziative di promozione della salute. Oltre 3.000 voci che suggersicono strategie e tattiche di comunicazione.
 
Comunicazione, marketing e media per la salute
Convergence 2010Ad agosto si è tenuta la IV National Conference on Health Communication, Marketing and Media statunitense, dal titolo Convergence 2010. L'evento è stato organizzato dai CDC di Atlanta con l'intento di favorire la convergenza "tra obiettivi, programmi e partner". Tra i temi trattati, hanno assunto speciale rilievo i social network e i nuovi media come strumento di promozione della salute. (Newsletter 73 - ottobre 2010)
 
IUHPE World Conference on Health Promotion
GinevraA Ginevra, dall'11 al 15 luglio 2010 si è tenuta la 20a Conferenza Mondiale della Promozione della Salute (IUHPE) durante la quale si è discusso di sviluppo sostenibile, ambiente e cambiamenti sociali e culturali, sfide globali che attendono l'economia del mondo, tutti fattori che influiscono sulla salute della popolazione mondiale. E' stato affrontato anche il ruolo delle nuove tecnologie di comunicazione nell'ambito della promozione della salute. In particolare, si segnale l'incontro "New media in Health Promotion" di cui è disponibile una traccia degli interventi. (Newsletter 73 - ottobre 2010)
 
L'utilizzo del web nella promozione della salute
Testata HPPL'articolo Using the Internet to Build Community Capacity for Healthy Public Policy, pubblicato da Health Promotion Practice, analizza una strategia di advocacy e coinvolgimento della collettività in tema di lotta al fumo basata su una campagna di comunicazione via web. (Newsletter 72 - settembre 2010)
 
Salute iperconnessa
Human NetworkNell'epoca delle reti e dell'essere sempre connessi che significato assume la salute? E come la condivisione cambia la sua interpretazione? Con un click siamo più informati, ma è twittando che abbiamo smesso di fumare, o postando come procede la dieta che troviamo il sostegno degli amici nelle nostre scelte di salute. Quanti, però, nella rete sono i sostenitori? e quanti i tentatori? Da una segnalazione di Luca Conti, Esperto di social media. (Newsletter 70 - luglio 2010)
 
Smettere di fumare on line
Smetter di fumare
Sulla rivista Addiction la review "Online support for smoking cessation: a systematic review of the literature " di Lion Shahab & Andy McEwen.
Dall'analisi condotta sui fruitori di programmi interattivi on line risulta una maggiore soddisfazione rispetto a chi è ricorso al medico o a trattamenti tradizionali: l'astinenza dal fumo dura circa sei mesi in più. Rispetto ai manuali generici, il fumatore può ottenere dalla rete un self help su misura.
(Newsletter 70 - luglio 2010)
 
Salud y blog: appuntamento a Madrid
I Congreso de la blogosfera sanitariaSi tiene il 14 giugno a Madrid il Primo Congresso della Blogsfera sanitaria in lingua spagnola. L'incontro, lanciato dal Governo iberico, intende avviare una riflessione - discussione tra i blogger che si occupano di salute, massimizzando le sinergie e rafforzando la cooperazione tra quanti generano opinione e informano su temi sanitari.
(Newsletter 69 - maggio 2010)
 
Marketing sociale, diario di bordo
Blogger
Uno spazio su Blogger per raccontare e commentare le attività che stiamo realizzando e le iniziative di formazione in corso, proponendo interpretazioni che magari a noi sfuggono, o non sono immediatamente evidenti. Il blog nasce in collaborazione con l'Associazione "Comunicazione Pubblica" per condividere riflessioni e aspettative sul ruolo dei comunicatori pubblici per la salute. (Newsletter 67 - aprile 2010)
 
La salute on-line
Blogger
La tesi di laurea della dott.ssa Isabella Masina, Le nuove tecnologie per una Pubblica Amministrazione che cambia. Il sito web dell’Azienda USL di Ferrara, si propone di evidenziare punti di forza e criticità, opportunità e potenzialità che possono favorire l'utilizzo delle nuove tecnologie nel rapporto quotidiano tra un'Azienda Sanitaria e pubblico esterno. Lo studio porta in rilievo il "ruolo di anticipatore" che può recitare il comunicatore pubblico, lo spazio sperimentale nel quale può contribuire a dare forma ad una pubblica amministrazione sempre più partecipata e condivisa. (Newsletter 67 - aprile 2010)
 
Linee guida per i siti web delle PA
http Rivolte a tutte le amministrazioni pubbliche e previste dalla Direttiva 26 novembre 2009 n. 8 del Ministro per la Pubblica amministrazione e l'innovazione, le Linee guida per i siti delle PA si prefiggono di avviare un processo verso il "miglioramento continuo" della qualità dei siti web pubblici. Pubblicate in una versione preliminare nel marzo 2010, i contenuti trattati vanno dalla razionalizzazione dei contenuti on-line al copyright, dalla partecipazione e web 2.0 ai principi base per misurare la qualità dei siti. E' stato aperto in proposito un forum per proporre suggerimenti e indicazioni utili per la revisione del documento.
(Newsletter 66 - aprile 2010)
 
Guadagnare Salute con un click: la sfida di Sapermangiare.mobi
Eugenio Santoro e Laura GennaroIl progetto dell'INRAN (Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione) ha ottenuto il Premio Speciale Nuovi Media nell'edizione 2009 del concorso "Marketing sociale e comunicazione per la salute" per l’approccio innovativo alla promozione della salute attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie e del WEB 2.0, la completezza e l’articolazione delle informazioni del portale, la possibilità di personalizzazione dei contenuti e delle modalità di accesso. Eugenio Santoro, Direttore del Laboratorio di Informatica Medica, Dipartimento di Epidemiologia, Istituto di Ricerche Farmacologiche "Mario Negri" Milano, consegna il premio a Laura Gennaro, Ricercatrice INRAN.
Abstract del progetto (.pdf, 105 Kb) --- Sito web sapermangiare.mobi
 
Web 2.0 per Guadagnare Salute
Com_lab 2009 Bologna, 15 ottobre 2009: all'interno di ComLab 2009 si svolge il convegno "Web 2.0 per Guadagnare Salute", dedicato alle opportunità offerte dalle nuove tecnologie per la promozione della salute. In particolare l'incontro propone una riflessione su come tecniche e strumenti innovativi possono contribuire al raggiungimento degli obiettivi di salute previsti dalla programmazione nazionale e locale (es: il Programma Interministeriale "Guadagnare Salute", il Piano Nazionale per la Prevenzione e i relativi Piani Regionali, ecc). E' possibile iscriversi e proporre per i relatori spunti di approfondimento e domande specifiche.
(Newsletter 59 - ottobre 2009)
 
Nuovi media e salute nell'era di Obama
SMS news mediaDall’elezione di Barack Obama a 44° Presidente degli Stati Uniti
ormai molti settori hanno tratto ispirazione su come impostare le proprie campagne attraverso i nuovi media. L'articolo di Abroms e Lefebvre prova a suggerire spunti che possano essere applicati anche nel campo della comunicazione per la salute. Certo, vi è la consapevolezza che poche iniziative di promozione della salute avranno mai il budget e le risorse delle campagne per la Presidenza degli Stati Uniti, ma alcuni elementi costituiscono ormai un livello minimo di partenza. (Newsletter 59 - ottobre 2009)
 
Brand e social media marketing
Web 2.0 e saluteUno sguardo al mondo commerciale, grazie ad una ricerca che misura il grado di coinvolgimento dei diversi social network e il livello di successo delle marche internazionali nei social media. Interessanti i profili che ne scaturicono: MAVENS, aziende in cui i Social Media sono parte integrante della strategia di marketing; BUTTERFLIES: le aziende che riconoscono la necessità di essere in diversi Social Media, ma hanno raggiunto il successo solo in alcun di essi; SELECTIVES: aziende che si focalizzano solamente su alcune tipologie di Social Media, spesso tramite un "evangelista" interno; WALLFLOWERS: aziende che si concentrano solo su alcuni Social Media e la cui presenza non è comunque forte.
 
Sostegno emotivo, norme sociali, condivisione: Web 2.0 e Salute
Web 2.0 e saluteDue studi sul tema "nuovi media e salute" tratti dall'ultimo numero del Journal of Health Communication. Nel primo, un interrogativo: quale influenza hanno sui comportamenti la condivisione di risorse informative on-line, i confronti tra pazienti all’interno di social network, i gruppi di sostegno e di discussione? L'articolo di Ancker e al., “Peer-to-Peer Communication, Cancer Prevention, and the Internet”, offre utili spunti per una risposta. Un secondo studio, condotto sull'isola di Taiwan, presenta invece l'analisi di un programma internet-based per la promozione dell’attività motoria: “The Effect of an Internet-Based, Stage-Matched Message Intervention on Young Taiwanese Women’s Physical Activity”. (Newsletter 58 - settembre 2009)
 
Lotta al fumo 2.0
Logo Concorso "Scommetti che smetti?"E' in corso a Modena l'edizione 2009 del concorso a premi per diventare non fumatori "Scommetti che smetti?". L'esperienza ormai consolidata nel territorio si arricchisce quest'anno di interessanti novità, legate alle potenzialità del web 2.0: un forum per dare la possibilità di condividere le sensazioni e i momenti legati all'abbandono della sigaretta e sostenersi a vicenda, nonché il blog "Memorie di un fumatore" aperto da uno dei partecipanti.
(Newsletter 54 - maggio 2009)
 
I CDC e Twitter, la salute nelle "piazze virtuali"
CDC - mediaUn percorso sperimentale di promozione della salute che si sviluppa attraverso numerosi e differenti canali: è la scelta effettuata dai CDC di Atlanta che, dopo Second Life e altri nuovi mondi virtuali, aprono il proprio spazio su Twitter, social network che che permette agli utenti di mandare aggiornamenti sulle proprie attività (brevi messaggi di testo) via SMS, messaggeria istantanea, e-mail e il sito stesso.

(Newsletter 53 - aprile 2009)
 
Dopo YouTube, YouImpact: video e file sharing "in verde"
Sito YouImpactYouImpact si presenta come una piattaforma di sharing nata per creare una community che diffonda la cultura della sostenibilità e dell'ecologia in modo non convenzionale. Il sito assegna alla creatività, all'inventiva e all'ironia un ruolo determinante per esprimersi su temi ambientali attravero immagini, video e file audio. I contenuti migliori vincono bonus foresta: mq di verde in Costa Rica!
(Newsletter 52 - marzo 2009)
 
Social bookmaking e marketing virale, 2.0 opportunità da conoscere
e-health promotionDa DoRs un ulteriore spunto per arricchire la nostra riflessione sull'utilizzo delle nuove tecnologie, ed in particolare delle opportunità del famigerato web 2.0, nella promozione della salute: sinetesi e adattamento dell’articolo di R. Thackeray , B.L. Neiger, C.L. Hanson , J.F. MacKenzie: “Enhancing promotional strategies within social marketing programs: use of Web 2.0 social media", pubblicato recentemente su Health Promotion Practice.
(Newsletter 50 - febbraio 2009)
 
Un weblog per la Patient & People Centricity
Alfredo Pasali's Weblog"Benvenuti nel weblog dedicato a chi vuole discutere apertamente su teorie, esperienze ed innovazioni nella gestione aziendale del patient empowerment, sempre alla ricerca della centralità concreta dell’utente in sanità!!!". Così si presenta Alfredo Pascali's Weblog, sito aperto alle considerazioni di tutti gli interessati, senza barriere di disciplina.
(Newsletter 47- novembre 2008)
 
Nuove strategie e nuovi media per promuovere le vaccinazioni
Whiville: i CDC vi promuovono le vaccinazioniUn'influenza virtuale infetta il mondo on-line di Whyville? Al via una campagna di sensibilizzazione promossa dai CDC di Atlanta per esortare i giovani partecipanti ad aderire alla vaccinazione (virtuale e reale). La sintesi di un articolo recentemente pubblicato dall'Health Marketing Quarterly per raccontare l'esperienza e trarre utili indicazioni sulla e-health communication.
(Newsletter 45 - ottobre 2008)
 
"La vostra mente è già programmata per la wikinomics?”
Copertina WikinomicsIl wiki come opportunità e nuovo ambiente di innovazione e creazione di valore: curata da M.Monica Daghio e Giovanni Gualmini la recensione di Wikinomics, libro attraverso il quale Don Tapscott e Anthony D. Williams descrivono "la collaborazione di massa che sta cambiando il mondo". Dalla condivisione ai contenuti aperti, le considerazioni su chi saprà essere protagonista o rimarrà ai margini di tale processo. (Newsletter 39 - giugno 2008)
 
"Googling" Health Deseases
HealthMapPensato per i medici e utilizzato dai turisti, il sito HealthMap è nato dalla collaborazione tra Google, che ha messo a disposizione il suo motore di ricerca, la Harvard University e il Boston Children's Hospital. Si tratta di una cartina geografica virtuale, nella quale è possibile localizzare malattie, infezioni e focolai epidemici di tutto il mondo.I dati provengono da almeno 14 fonti diverse, tra le quali i Ministeri della Salute e le varie istituzioni regionali e locali.
 
Uno sguardo alla letteratura sulla E-Health Promotion
Web e salute Digital Divide, community, coinvolgimento e partecipazione, media sociali e Web 2.0, riconducendo il tutto alle strategie di promozione della salute: è ricca la raccolta di sintesi di recenti articoli che trattano tali temi elaborata da Marco Reggiani Della Gala durante il suo tirocinio presso il Sistema Comunicazione e Marketing dell'Azienda USL di Modena.
(Newsletter 36 - aprile 2008)
 
Il web dialogue come mezzo di partecipazione alle politiche sulla salute
cdcCaso: influenza pandemica. Risorsa: vaccino. Quesito: quali priorità nella distribuzione? Con la volontà di condividere insieme alla collettività la risposta a tale domanda, contaminando le posizioni degli esperti sanitari con punti di vista plurali, i CDC di Atlanta hanno sperimentato l'organizzazione di un “web dialogue” che consentisse di raccogliere pareri e informazioni da integrare nella stesura delle Linee guida di intervento. Tra i partecipanti, rappresentanti del mondo del lavoro, dell'educazione, dei media, ma anche singoli individui. I risultati conseguiti: draft e questionario. (Newsletter 32 - gennaio 2008)
 
Dal Web al Web punto... Le evoluzioni della rete
Web e salute Il tema è attuale, anzi in continua evoluzione: a partire dall'articolo di Eugenio Santoro Web 2.0 e medicina, pubblicato dalla rivista Care Online, segnaliamo l'editoriale del BMJ, Web 3.0 and medicine, che analizza il tema del web semantico, "tavolo di lavoro condiviso" gestito in modo da facilitare l'accesso a informazioni di qualità. L'approfondimento prosegue con PartecipaSalute che ribadisce: "obiettivo del web 3.0 è trovare nuovi modi per organizzare le informazioni affinchè il web somigli meno a un catalogo e di più a guida ragionata".
(Newsletter 34 - marzo 2008)
 
HelpAIDS, il counselling è on line
Logo HelpAidisIl Servizio Sanitario dell'Emilia-Romagna, grazie all'attività della Commissione Regionale Tecnico-Scientifica AIDS, garantisce ai cittadini servizi interattivi quali counselling online e forum di discussione sull'infezione da HIV attraverso il portale Helpaids. Nato per iniziativa della Rete dei servizi della Provincia di Modena, il sito è diventato un vero e proprio portale regionale, gestito dall'AUSL di Modena in collaborazione con l'Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena.
(Newsletter 22 - agosto 2007)
 
La comunicazione per la salute incontra Youtube
Logo YouTubeI video nel web sono uno strumento dalla fruizione semplice e immediata per diffondere i più variegati messaggi. Li hanno utilizzati pubblicitari, politici, istituzioni. Il media accoglie anche contenuti inerenti la prevenzione e promozione della salute, nella cui redazione è necessario l’utilizzo di immagini e linguaggi propri dei giovani, principali fruitori del canale. (Newsletter 22 - agosto 2007)
 

Wikipedia: un testo aperto sul marketing sociale
Nel sito della nota enciclopedia on line è pubblicata la definizione di marketing sociale. Nello spirito dei wiki, siti che permettono a ciascuno degli utilizzatori di aggiungere contenuti o modificare quelli esistenti, il testo è facilmente editabile aggiungendo descrizioni, letteratura, esperienze che valorizzino la disciplina e chiariscano le sue caratteristiche. (Newsletter 16 - aprile 2007)

 

 
Cooperation, wiki and social marketing
Una piramide umana, sintesi di cooperazione e fiduciaProsegue l’attenzione alle nuove tecnologie per condividere conoscenze e competenze: presso il Social Marketing Wiki, in lingua inglese, sono illustrate, discusse e aggiornate le strategie e i programmi realizzati nel mondo applicando le leve della disciplina. In particolare, si segnala la sezione dedicata alla divulgazione delle Teorie delle Scienze Sociali, nonché la presentazione delle azioni realizzate negli Stati Uniti, in Canada e in Inghilterra.
(Newsletter 25 - ottobre 2007)
 
Strategie per sostenere l'adesione allo screening del colon-retto
CDC - PodcsstsIl Podcasting tra i canali di comunicazione proposti dai CDC di Atlanta per sensibilizzare la popolazione sull'importanza dello screening nella prevenzione dei tumori al colon-retto.
(Newsletter 28 - novembre 2007)
 
Partecipa.net: la salute condivisa con gli studenti
Il sito Studenti e Cittadini dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna utilizza le nuove tecnologie, ed in particolare il software Partecipa.net, per favorire il dialogo con le nuove generazioni. Tra le iniziative in corso, si segnala la Newsletter Comunicare la Salute, redatta per incontrare l’interesse degli studenti delle scuole regionali sulla salute e condividere con loro temi e progetti.
(Newsletter 22 - agosto 2007)
 
Accesso alle risorse e necessità informative: Google scholar o PubMed?
Da Open Medicine Blog alcuni consigli per impostare la fase di ricerca e documentazione a sostegno delle proprie attività ed iniziative. Con un consiglio finale: giova sempre un passaggio presso una biblioteca specializzata.
(Newsletter 28 - novembre 2007)
 
Il web per comunicare con la popolazione anziana?
Il Dott. Piercarlo Sommo, Direttore Relazioni Esterne dell’ASL 3 di Torino ha affrontato l’argomento Il web, geriatria e anziani durante il Convegno Medico di Novara sulla Geriatria (giugno 2007). La riflessione parte da un’analisi dei dati del rapporto CENSIS dell’aprile 2007, che sottolinea come un quinto degli anziani utilizza quotidianamente Internet per più di un'ora, dimostrando che la rete delle relazioni virtuali e l'informazione online ha rotto le resistenze dei più refrattari verso le tecnologie digitali.
(Newsletter 22 - agosto 2007)
 
La sanità sarda on line
SardegnaSaluteDal maggio 2007 la Sardegna è una delle prime regioni d’Italia a presentarsi con un’immagine coordinata del sistema sanitario regionale sul web. Sono infatti on line i nuovi siti delle Aziende Sanitarie regionali e dell’Azienda ospedaliera Brotzu, che offrono contenuti e servizi con un’interfaccia grafica omogenea e riconoscibile.
(Newsletter 20 - giugno 2007)
 
Un progetto di “scrittura aperta” di contenuti televisivi
Sicurezza sul lavoro e iniziative per smettere di fumare, stili di vita sostenibili e bullismo nelle scuole: numerosi i temi sociali e di salute affrontate dal programma televisivo Fuori. Il progetto, lanciato dal Comune di Modena – Assessorato alle politiche giovanili, promuove la “partecipazione comunicativa”, aprendo spazi di espressione e dialogo per soggetti per lo più esclusi dai circuiti mediatici o rappresentati attraverso banali stereotipi. Realizzato con un linguaggio frizzante e dinamico, la trasmissione apre interessanti spazi informativi e relazionali, in particolare con le giovani generazioni.
(Newsletter 17 - maggio 2007)
 
E-democracy e costruzione sociale della salute
Un rinnovato dialogo tra decisori politici e cittadini, soprattutto su temi di natura multidimensionale come la salute, può scaturire dalla sperimentazione di nuovi strumenti e nuovi linguaggi che favoriscano la partecipazione, in particolare dei più giovani. Partecipa.net, progetto coordinato dalla Regione Emilia-Romagna, aspira a promuovere la realizzazione di politiche integrate e “costruite insieme”.
L’iniziativa, che ha coinvolto in primo luogo scuole e studenti, si basa sull’utilizzo di un apposito software per accedere al confronto con istituzioni, esperti e altri cittadini.
(Newsletter 13 - marzo 2007)
 
Salute e nuove tecnologie
Il sito ICT4Health tratta il tema dell'informatica nell'ambito della sanità e della salute, posizionandosi come luogo di confronto tra quanti intendono approfondire temi come le architetture e la semantica dei sistemi informativi sanitari. Di supporto al sito un blog aggiornato dal curatore, Pierfrancesco Ghedini.
(Newsletter 10 - febbraio 2007)
 
Comunicare la salute con le nuove tecnologie
L’ASL 1 Imperiese, attraverso le strutture “Comunicazione e sistema informativo” ed “Educazione e promozione alla salute” da alcuni anni sperimenta nuovi linguaggi e modalità espressive per comunicare e coinvolgere il cittadino.
Nel settembre 2006 è stato realizzato un mini spot per cellulare o IPOD, pensato per gli adolescenti e i giovani, target di molti interventi della ASL attraverso l’attività nelle scuole.
I temi trattati sono quelli dell’alcool e della guida sicura, ma sono in programma altre registrazioni sull’adozione di sani e corretti stili di vita. Veicolo per far circolare gli spot sono gli educatori che vanno nelle scuole e il portale aziendale da cui scaricarli. Per coinvolgere maggiormente i destinatari, alcuni degli slogan proposti saranno tratti dai laboratori creativi svolti dai ragazzi dopo gli incontri con gli specialisti ASL nell’ambito delle iniziative di educazione alla salute. Per la seconda edizione del concorso “SALUTE ED EMOZIONI”, dedicato agli elaborati che i ragazzi presenteranno sui temi della salute, sarà inoltre aperta una sezione speciale per gli spot realizzati direttamente dai ragazzi per i telefoni cellulari.

(Newsletter 6 - novembre 2006)